Esplorando Varese: La Città Giardino tra Storia, Arte e Natura!

Varese città Giardino è l’appellativo che descrive perfettamente il connubio tra arte e natura che, da diversi secoli, caratterizza l’anima della città.

Con ville storiche e parchi da scoprire, incantevoli paesaggi da ammirare, cammini di fede e arte da percorrere e luoghi suggestivi che sanno stupire ed emozionare, è il luogo ideale per chi è alla ricerca di un turismo rilassante e consapevole. Il patrimonio culturale e ambientale è il valore più attrattivo del territorio, che si propone attraverso la bellezza di una natura incontaminata come terrazza tra laghi e prealpi.

La storia di Varese città, inoltre, vanta eccellenze anche nel campo dello sport (basket, calcio, canottaggio, ciclismo) e dell’industria (aerei, moto, calzature, pipe in radica, cucine).

Capoluogo di Provincia, Varese si trova nella parte nord-occidentale della Lombardia, al confine con la Svizzera. Sorge in un territorio collinare, di grandi e piccoli laghi e ai piedi del Massiccio del Campo dei Fiori che, con le sue cime, fa parte delle Prealpi Varesine.

Si pensa che il nome Varese derivi dal celtico var cioè acqua, connesso al Fiume Vellone che, ora incanalato sottoterra, la attraversa e alla sua vicinanza con diversi laghi. È adagiata su sette colli: il Colle dei Miogni, il Colle Campigli, il Colle di Biumo Superiore, il Colle di Montalbano, il Colle di Giubiano, il Colle di Sant’Albino e il Colle di San Pedrino.

Le testimonianze della presenza umana attorno a Varese sono scarse, escludendo il Neolitico sui laghi. La città nacque, probabilmente, come piccolo villaggio gallico e divenne castrum in epoca romana. Nel Medioevo, grazie alla sua posizione, divenne un borgo dalla fiorente attività mercantile.

Nel Cinquecento la fine del ducato Sforzesco trascinò anche Varese in un periodo di decadenza con l’invasione dei mercenari svizzeri, la dominazione spagnola e la diffusione di epidemie ma, sul finire del secolo, molti governanti spagnoli ed esponenti della nobiltà iniziarono a soggiornare a Varese e nei suoi splendidi dintorni.

L’Ottocento fu l’epoca delle grandi trasformazioni con la ferrovia, nuovi sbocchi industriali e sviluppi nel commercio. Prima della cacciata degli Austriaci con la battaglia di Magenta, Varese visse il suo momento di gloria con la battaglia del 26 maggio 1859, in cui Garibaldi e i garibaldini prevalsero sulle truppe del Feldmaresciallo Urban.

Varese fu la prima città italiana a chiedere, per plebiscito, l’annessione al Regno di Sardegna, diventando parte del Regno d’Italia nel 1861; l’Unità d’Italia permise alla città di svilupparsi ulteriormente.

A cavallo tra Otto e Novecento Varese divenne rilevante meta turistica celebre in tutta Europa anche grazie ai suoi alberghi. Altri settori importanti per l’economia furono: concerie, calzaturifici, cotonifici, setifici, carrozzerie e l’industria aeronautica.

Varese sorge nella parte nord occidentale della Lombardia, al centro di un territorio dove i panorami sono incorniciati da scorci di verdi colline e laghi grandi e piccoli, offrendo l’opportunità di vivere a pieno la natura in tutte le sue sfaccettature.

Se vuoi scoprire questo e altri segreti della Lombardia, seguici sulle nostre pagine! Ogni settimana organizziamo moltissimi eventi alla scoperta dei gioielli nascosti di questa regione! Scopri di più al seguente link: https://lombardiasegreta.com/eventi/

   



X