Palazzo Reale di Milano: una storia di Magnificenza e rinascita

Palazzo Reale è uno dei simboli della metropoli meneghina, in grado di creare un ponte tra il suo passato storico e l’attualità di una città lanciata verso la contemporaneità. È sufficiente percorrere il magnifico scalone neoclassico per avere un’idea dello splendore del palazzo ai tempi della corte asburgica.

Situato sulla destra del Duomo e adiacente all’Arengario, Palazzo Reale costituisce uno degli scorci più classici della città. Il suo aspetto attuale si deve al Piermarini, incaricato di ristrutturare e riammodernare la residenza nella seconda metà del Settecento, e alle discutibili scelte dell’inizio del Novecento, quando venne mutilata di interi settori per riorganizzare lo spazio circostante Piazza Duomo.

Gravemente danneggiato dai bombardamenti alleati del 1943, oggi nelle sue splendide sale vengono allestite mostre di grande richiamo che hanno donato nuova vita alla residenza asburgica, facendola assurgere a simbolo del rinnovato ruolo di capitale culturale europea del capoluogo lombardo. Noto a tutti come sede delle grandi mostre di Milano, Palazzo Reale è un vero e proprio capolavoro dell’architettura neoclassica.

Palazzo Reale vanta una storia secolare e grandiosa, che comprende anche la piccola chiesa di San Gottardo in Corte, vera e propria Cappella Palatina, eretta per volontà di Azzone Visconti nel 1330.

Il Palazzo Reale di Milano nasce come sede dell’amministrazione comunale già nell’XII secolo, quando la città si rende autonoma dal potere imperiale e, con la nascita delle signorie, diventa il centro politico e direttivo retto dalle nobili famiglie milanesi dei Torriani, seguiti dai Visconti e dagli Sforza, assumendo con la salita al trono di Gian Galeazzo Visconti, primo duca di Milano, il nome di Palazzo Ducale.

In periodo spagnolo, il governatore Ferrante Gonzaga ne cambierà il nome in Palazzo Gonzaga e lo eleggerà a propria residenza, scopo per il quale si renderanno necessari i lavori di restauro per strutturare alcuni ambienti di rappresentanza.

Con l’avvento della dominazione austriaca si ebbe la costruzione della meravigliosa Sala delle Cariatidi, una sala da ballo sfarzosissima, nonché la modifica generale della struttura esterna, che prenderà la veste neoclassica sotto la mano dell’architetto Giuseppe Piermarini.

Gravemente bombardato durante la Seconda Guerra Mondiale, durante la quale venne distrutta la Sala delle Cariatidi, Palazzo Reale è oggi il maggior polo espositivo cittadino ed ospita le grandi mostre di Milano.

Le origini di Palazzo Reale sono molto antiche e la sua storia corre intrecciata a quella di Milano e di quelli che l’hanno governata. Dagli Sforza a Napoleone, dalla peste ai bombardamenti, sono molti i personaggi e gli eventi che hanno influenzato la struttura e le funzioni del Palazzo, specchio dei poteri forti che si sono alternati al governo della città e che ne hanno cambiato il volto nel corso dei secoli, fino a farne il più prestigioso spazio per le grandi mostre d’arte a Milano che oggi conosciamo.

Se vuoi scoprire questo e altri segreti della Lombardia, seguici sulle nostre pagine! Ogni settimana organizziamo moltissimi eventi alla scoperta dei gioielli nascosti di questa regione! Scopri di più al seguente link: https://lombardiasegreta.com/eventi/

   



X