Tra Storia e Imponenza: Scopri il Duomo Vecchio di Brescia e la Sua Iconica Rotonda

Il Duomo Vecchio di Brescia si erge maestoso come uno dei monumenti più rappresentativi della città, nonché un’icona dell’architettura romanica lombarda. Costruito nel XII secolo sui resti di una basilica del VI secolo, il Duomo Vecchio mostra una struttura imponente, con due corpi cilindrici concentrici che definiscono la sua pianta circolare, tipica delle rotonde medievali.

L’architettura del Duomo Vecchio è un esempio pregevole di stile romanico, caratterizzato da conci ben squadrati che delineano la sua imponenza. La parte inferiore, di maggiore diametro, presenta finestre arcuate e un imponente portale principale. Il tamburo superiore, invece, ospita finestre simili, intervallate da lesene e archetti pensili. L’interno riserva una sorpresa con un suggestivo vano centrale, composto da otto pilastri che sorreggono archi ellittici, oltre a una cupola priva di decorazioni.

La Rotonda di Santa Maria, situata nelle vicinanze, aggiunge un altro capitolo affascinante alla storia architettonica di Brescia. Questa rotonda, distribuita su due livelli pavimentali, si caratterizza per la sua forma a “doppio guscio” ispirata al Santo Sepolcro di Gerusalemme. L’ambulacro, più alto di 1,75 metri, funge da “matroneo” e si accede attraverso un corridoio voltato a botte, mentre il nucleo centrale è coperto da una monumentale cupola rialzata, considerata la più grande cupola medievale dopo quella del battistero di Firenze.

Gli scavi condotti nel 1894 e nel XX secolo rivelarono la presenza di vani di età romana nei pressi della Rotonda, probabilmente appartenenti a un edificio termale. La cattedrale paleocristiana minore fu inserita nel complesso nel IV-V secolo, collegandola alle antiche murature romane. La storia della Rotonda è intricatamente legata alle fasi di costruzione e ai restauri successivi.

Il Duomo Vecchio di Brescia, oggetto di lavori significativi nel corso dei secoli, conserva opere d’arte di grande valore. Tra queste, il sarcofago di Berardo Maggi in marmo rosso di Verona e un ciclo di tele del Moretto e del Romanino, insieme ad altre opere di artisti come Grazio Cossali, Antonio Gandino e Francesco Maffei.

Inoltre, la cattedrale ospita la cripta di San Filastrio, risalente all’VIII-IX secolo, con colonne e capitelli di recupero che aggiungono un tocco di antichità. La cripta mostra un’architettura straordinaria, con navate coperte a crociera e a botte, contenenti reliquie preziose. Un restauro condotto dall’architetto Luigi Arcioni alla fine dell’Ottocento riportò alla luce le antiche strutture medievali, permettendo ai visitatori di apprezzare la bellezza e la storia di questo luogo sacro.

In conclusione, il Duomo Vecchio e la Rotonda di Santa Maria rappresentano due gioielli architettonici di Brescia, testimoni della maestria degli artigiani medievali e della ricchezza storica e artistica della città. Visitare questi luoghi significa immergersi in un viaggio attraverso i secoli, esplorando la magnificenza dell’architettura romanica e la spiritualità che pervade questi ambienti sacri.

Se vuoi scoprire questa e altre meraviglie della Lombardia segui i nostri eventi! Ogni settimana organizziamo visite guidate alla scoperta dei segreti della Lombardia. https://lombardiasegreta.com/eventi



X